lunedì 1 giugno 2009

IL BICCHIERE è SEMPRE MEZZO PIENO

CRONACA della DOMENICA

era un compito che puntualmente TUTTI i lunedì ci veniva assegnato dalla maesta, alle elementari. Alla fine era diventato pure noioso stare sempre a descrivere queste domeniche che spesso non avevano nulla di eclatante da raccontare.
E così oggi, che è lunedì, e per giunta un lunedì di ponte dato che domani sarà nuovamente festa, mi son voluta cimentare in un compito che era esclusivo dei tempi dell'infanzia.
Sarà che per un periodo ho "rivissuto" il periodo immediatamente successivo, o forse questo non c'entra niente comunque ecco qui la mia DOMENICA.





DELLA SERIE "IL BICCHIERE E' SEMPRE MEZZO PIENO"

premesso che tutto il week end di "ponte" è saltato, ovvero i vari programmi sono andati a farsi benedire per svariati motivi;
premesso che il meteo non è stato affatto clemente e ha voluto romperci le balle rovinando anche i programmi dell'ultimo minuto, non mi son persa d'animo (e basta con queste anime perse, che poi a ritrovarle ci vuole una fatica immensa, ma chi ce lo fa fare?) così, sole o pioggia o diluvio universale, o ufo atterrati sulla Terra con tanto di nuovi cioccolatini prelibati che a non assaggiarli sarebbe stato un vero peccato... ho organizzato, con una settimana d'anticipo rispetto al "periodo migliore per andarci", la mia tanto desiderata gita in Umbria, in quel posto che so io...


questo è quello che ho trovato al mio arrivo.

PIOGGIA...
ancora un po' di neve sui monti, nebbia mentre scendevamo giù a valle e dei fiori che SPERAVO di trovare (considerato il caldo prematuro dei giorni passati) nemmeno l'ombra. O meglio pochi pochi e niente in confronto a quello che sarà tra qualche giorno

ma... che importanza ha? Sarà che nonostante gli ultimi giorni di questo maggio, che quest'anno per me di magico ha avuto ben poco, dopo tutto il "patire" e il "non patire", le illusioni deluse e le dulusioni illuse, ho avuto la mia buona dose di carezze sul cuore.

Ho ritrovato vecchi amici, presenze importanti nella mia vita e soprattutto ho avuto la conferma che l'affetto (o anche l'amore - se vogliamo) non si perde per strada.

RIMANE.

E prima o poi si manifesta.

E così ho ritrovato ben due persone care... una delle quali è stata la mia metà in questo "palombaraggio" di una domenica piovosa.

E poi... un pranzo fugace (visto che sono a dieta e Dio solo sa che SACRIFICIO far finta di non notare sul menù certe prelibatezze tipiche del luogo) e via, di nuovo in marcia verso una città qualsiasi, da visitare, visto che la pioggia per un po' ci ha dato tregua.

Lungo il cammino ci siamo fermati a Spoleto...
una lunga camminata accompagnata da mille chiacchiere e racconti di quanto accadutoci in un certo lasso di tempo in cui... spiegazioni e chiarimenti che hanno portato "chiarimenti diversi" anche dentro di me e per una giornata tutto mi è sembrato meno uggioso e pesante di come avevo sospettato che fosse, anche questo vialetto solitario mi è sembrato il posto più romantico della Terra e forse lo è veramente

Quando sono in Umbria mi sento a casa, avveto un senso di pace che non so descrivere, sarà che ce l'ho per metà nel mio DNA (ma come mai con l'altra metà tutto questo non accade?), fatto sta che... la mia cronaca della domenica è caratterizzata da un umore gioioso e non mi interessa se un programma di vacanza, o di mare, o di relax è saltato; oggi sono andata in ufficio, con tanto di pioggia torrenziale per gran parte della mattina. Altro che primo giugno! Qui fa pure FREDDO!
Ora... sembra sia uscito uno spicchio di sole... non vorrà mica farci la grazia di avere il cielo azzurro domani????
P.S. comunque ci torno in quel posto al momento giusto ;)


13 commenti:

  1. Sì, il bicchiere bisogna vederlo sempre mezzo pieno, certo però che è meglio non chiedersi con cosa lo abbiamo riempito :P

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. come ti capisco... da noi è piovuto per due giorni, oggi è così così... io che ci morirei sotto il sole.
    pss bellissime le foto :)
    Elsa

    RispondiElimina
  3. Anna, il mio bicchiere è sempre mezzo pieno...di un buon Franciacorta fresco fresco!!!!
    Un bacione grande..

    RispondiElimina
  4. @ BAOL
    non ha importanza di cosa sia pieno il bicchiere... MEGLIO NON PENSARCI
    :P

    @ ELSA
    non dirlo a me, mi è mancato tantissimo il sole in questi giorni e ti dirò di più: ODIO la pioggia CON TUTTA ME STESSA... ma... non potevo proprio farmi sconfiggere da lei.
    Le foto le ho fatte proprio domenica, tranne la prima che sono i fiori di casa
    A presto :)

    @ DAVIDE
    ti rispondo come ho risposto a Baol... però... dovendo scegliere io preferirei un Fiano di Avellino
    :))

    RispondiElimina
  5. .. come dire: anche contro le avversaità ce la caviamo sempre vero??

    RispondiElimina
  6. E beh, un po' hai respirato...

    RispondiElimina
  7. @ BALUA
    S E M P R E !!!!
    è un obbligo


    @ STELLA
    si ho respirato aria pura, almeno quella... :)

    RispondiElimina
  8. Annagì, ti invito a firmare i miei guestbook.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna...intanto le immagini sono splendide!
    Io ero rimasta l'ultima volta a briciole e palliativi, adesso ho letto questi ultimi due post, saltandone forse tre...ma nell'insieme riesco ad avere un quadro della situazione...mi pare che nonostante dici di essere stata delusa, ti stai ponendo in una maniera positiva ...questa gita che hai fatto in Umbria credo che ti abbia fatto davvero bene...
    Sai Anna...prima che noi impariamo a vivere meno di desiderio...(e poi di desideri molto idealizzati in certi casi si tratta!!) passa un bel po'! E forse la vita è anche questo...ci sono persone che fin dall'inizio hanno meno immaginazione...ma che vuoi fare se sei nata Cancro?
    Ma è bello anche così...Anna, io percepisco in te, comunque oltre quello che ti fa a volte soffrire...una tua crescita...
    Ti auguro una buona domenica e ti lascio un abbraccio e un saluto affettuoso
    Franca

    RispondiElimina
  10. @ DONNACHENINA
    che vuol dire "imparare a vivere meno di desiderio"? Mi fa paura questa frase, mi fa pensare ad un andamento piatto, senza scopi o obiettivi, senza emozioni. Forse bisognerebbe "fantasticare" un po' meno su quel che sarà, ma se si ha in mente chiaramente quel che desideriamo, al momento che ci rendiamo conto che quello che abbiamo di fronte "non è" allora è il caso di "mollare la presa"

    Fa male, fa soffrire, ma dona tanta forza la consapevlezza che quello che provavamo non è stato condiviso... e allora... bisogna rimboccarsi le maniche per far sì che anche questa esperienza vada a finire nel bagaglio personale e continuare il cammino che FORSE (e lo sottolineo) sarà un po' mono duro...

    ...ma costa dolore... molto... soprattutto in certi giorni...
    La crescita sta nel fatto di cercare di "affrontarlo", farci i conti quotidianamente e valutare i "contro", ovvero quello che ci ha causato tanto dolore...

    ... però... a volte fa male...

    RispondiElimina
  11. Forse che, entrandoci anche il periodo giusto per la fioritura, stai parlando della piana di Castelluccio? E' una meta agognata cui non ho ancora rinunciato, prima o poi vorrei arrivarci. Quindi mantengo il desiderio e cerco di attendere con serenità il momento che mi sarà offerto... Con Cate sono arrivato a Spoleto il 4 maggio, ci siamo regalati una puntatina lì dopo un sacco di anni. Allora, sotto una pioggia battente, eravamo riusciti a dare appena uno sguardo veloce alla facciata del duomo. Dunque è vero che si può raggiungere, con pazienza, anche quanto sembra inizialmente sfuggire al nostro legittimo desiderio. Ciao e non stancarti di viaggiare col corpo e con la tua fervida immaginazione creativa.

    RispondiElimina
  12. LUIGI
    Si, si tratta della piana di Castelluccio. In realtà ho scelto il periodo sbagliato per andarci: la fioritura inizia dai primi di giugno fino a luglio più o meno. Quel giorno mi sembrava di dover andare a sciare piuttosto che a raccogliere i fiori, ma la magia di quel posto (che conoscevo già, peraltro) mi fa sembrare sempre tutto molto bello.
    Spoleto è deliziosa, ma il Duomo è in ristrutturazione quindi... niente visione della sua bella facciata.
    Credo sia vero che si possa raggiungere ogni meta prefissata, con costanza e coraggio ed un pizzico di pazienza... quello che a volte a me manca
    Grazie per il tuo passaggio e per il gradito messaggio :))

    RispondiElimina