lunedì 17 novembre 2008

TANTO... RITORNANO

Storie che vanno e che vengono. Un nuovo amore inizia ed una storia finisce. È l’altalenare della vita, la solita ruota, che girando, mostra tutte le sue sfaccettature.
Finiscono i brevi flirt, i fidanzamenti più lunghi ed anche i matrimoni.
Una coppia che si separa lascia dietro di se dolore, tristezza, amarezza e una buona dose di delusione. E a volte capita che ci si lascia non proprio in buoni rapporti.
Chi è stato lasciato rimane a leccarsi le ferite a lungo fino a quando arriva il momento di reagire.
Così, da soli, ci ritroviamo ad affrontare quel vuoto che sembra incolmabile, ma che poi, inevitabilmente, diventa sempre meno “vuoto” perché, si sa, tutto si affronta e, fortunatamente, tutto passa.
Ma ecco che in quel momento preciso, quando la “crisi” è più o meno superata, quando si ricomincia a guardare il mondo con nuova curiosità, quando si è riusciti ad accumulare un po’ di forze per ricominciare a guardare avanti, lasciandosi tutto il resto alle spalle… ecco suonare il telefono… è lui/lei… l’ex…
Come un complicato calcolo matematico, che, poi, tanto complicato, in realtà, non è: prima o poi tornano!!!
Non importa dopo quanto tempo, non importa nemmeno in che veste si ripresentano e come lo fanno: fatto sta che lo fanno e questo “ripresentarsi” non sarà, per noi, un buon evento.
Molteplici sono le domande che ci poniamo in quei cinque secondi che precedono la risposta al telefono: “che vorrà? Come sta? Perché mi chiama? Avrà sbagliato numero? Vuole ricominciare? Mi ama ancora? ed io, lo amo ancora? che gli rispondo?”
Una serie innumerevole di domande e risposte che girano nella nostra testa alla velocità della luce.
Come mai gli “ex” ritornano sempre?
E in che modo ritornano?
A volte tornano per ricominciare.
Altre volte no.
Chiamano, chiacchierano del più e del meno, ci domandano, ci raccontano e quando riagganciamo il telefono la reazione è piuttosto buffa: rimaniamo con la cornetta in mano, a guardarla con stupore senza aver capito il senso di quella telefonata. O forse senza volerlo capire. Ma in fondo cosa c’è da capire?
L’esperienza, alla fine, si ripeterà nel tempo, se nel frattempo gli avremo dato corda.
Ne parlavo giusto qualche tempo fa con una cara amica: lei mi confidava del suo ex marito il quale, a distanza di un anno dalla separazione legale, ora la cerca tutti i giorni, almeno una volta la settimana la invita a pranzo e addirittura le confida le sue “questioni di cuore” intervallando confronti e commenti che alla mia amica, in tutta sincerità, non fanno piacere affatto.
Eppure lei resta lì ad ascoltarlo, a pranzare con lui e, magari, dispenserà anche qualche buon consiglio; del resto rimanere in buoni rapporti è segno di civiltà e su questo non ci piove. Ma rimanere in buoni rapporti (troppo buoni, direi io) quando ci si rende conto che la cosa ci disturba non mi sembra salutare.
Insomma: che bisogno c’è di venirti a confidare con me, si proprio con me che non hai più voluto (e se non mi hai voluto più vuol dire che non hai riscontrato in me quelle qualità indispensabili per la buona riuscita di una relazione)?
Credo che anche se tutto è stato superato, anche se non si è più innamorati di quella persona, anche se non ne soffriamo più, sicuramente un certo senso di fastidio lo si provi nel sentire certi tipi di confidenze. Figuriamoci poi se, al contrario, siamo in fase di “guarigione”…
Spesso gli “ex” tornano e pretendono di fare gli “amici di camerata” come se niente fosse, come se, secondo loro, tutto il male che c’è stato nel frattempo fosse del tutto cancellato, senza rispettare i nostri tempi e noi, SOPRATTUTTO, li lasciamo fare… talvolta…




25 commenti:

  1. sono d'accordo sul fatto che tornano sempre!!! aggiungerei "purtroppo". Il più delle volte lo fanno perchè non hanno di meglio da fare e sentendosi soli ricordano te. Sarò anche cinica ma molto realista.
    Il "lutto" dopo una separazione è pesante, anche se ci sono momenti in cui ti sembra di stare meglio sei l persona più fragile e più sola del mondo, se poi incontri le persone sbagliate può anche essere drammatico...
    Ma per fortuna il tempo lenisce qualsiasi ferita e soprattutto aiuta ad "accettare". Un bacione

    p.s. con facebook sono imbranatissima ma proverò a cercarti ;-)

    RispondiElimina
  2. A volte ritornano... ma non sempre a fin di bene... però mai fare di tutta l'erba un fascio...
    Una cosa è certa: se una storia è finita... ed è finita male... è difficile ricucirla come se nulla fosse accaduto... però poi, in questo come in altri "argomenti" che hannoche fare con i sentimenti, mai fissare regole universali...
    Ti auguro il meglio...

    P.S.: mi aggrego a Nadia per facebook... devo ancora "entrare" nell'ottica... :-)

    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Ciao Anna, ho sempre evitato i ritorni, certo per la "parte lesa" ,come la chiamo io, è tutto più difficile, di tempo ce ne vuole per sbollire poi se si è trattato di matrimonio la cosa è più tosta, MA AD UN CERTO PUNTO lo spirito di rivalsa esce fuori e spacchi il mondo con una mano.
    Io a chi fa l'amicone dell'ex non ci credo, o covi la speranza di tornarci insieme, e soffri il triplo, o quando ci stavi assieme non te ne fregava niente, non so quale è peggio.

    salutone, mr.henri

    RispondiElimina
  4. c' era una canzone di venditti che diceva: "amici mai"....credo che il cantautore romano abbia ragione, è difficile che ci sia amicizia dopo aver diviso gioie e dolori, rancori e il letto...Può essere una stima, cmq affetto per il tempo passato insieme! Almeno io..non sono mai riuscito a creare un rapporto di amicizia con una ex..e sinceramente non ho neanche cercato amicizia da una mia ex! ciao annagi, il tuo post mi fa tanto pensare al mio passato|

    RispondiElimina
  5. oppure scelgono di non ritornare. si sentono di nuovo "esseri liberi di essere liberi". oppure capiscono che per fortuna si è chiusa la porta. ma anche in questo caso c'è una sorta di ciclicità, perché anche questa è una fine possibile.

    che tanto, il tempo, da solo non fa proprio nulla, sai? mentre capacità di reagire, forza di volontà e il naturale passare del tempo sono, insieme, una combine davvero esplosiva.

    un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  6. metti la foto del tuo "fidanzato" su facebook così so che sei tu, ci sono un sacco di Annagi... :-)))

    RispondiElimina
  7. eh guarda!! è un bel casino..
    Per fortuna io non l'ho mai fatto e non l'ho mai ricevuto...non saprei che dire..
    Bacioni.

    RispondiElimina
  8. Tornano,tornano dall'ex moglie quando sono vecchi e malati!

    Un famoso presentatore, colto da un grave malore, lasciò la giovinetta con cui viveva e si "riparò"dalla moglie!

    RispondiElimina
  9. @ NADIA
    forse sarà perchè non hanno nient'altro da fare e si sentono soli, ma io io midomado: come si sentono soli con una nuova fidanzata? Boh!

    @ MAURIZIO
    volevo premere proprio su questo tasto ovvero: A VOLTE RITORNANO MA NON A FIN DI BENE"... mi domando perchè e a che pro, come se non bastasse... e cmq a prescindere se sia finita male o no

    MR HENRY
    "o quando stavano insieme nn gliene importava niente!"
    Interessante questo concetto.

    Quanto a te, Mister, complimenti per essere immune da questo tipo di comportamento

    @ FRATELLO VENTO
    complimenti anche a te
    buona serata :)

    @ DIGITO
    ovvio che le risorse per uscirne dobbiamo cercarle e trovarle dentro di noi, ma sai, a volte questi personaggi" appaiono (o riappaiono) nel mezzo del cammino di ripresa, quando siamo con un piede mezzo dentro e mezzo fuori...
    tornano e si RIPROPONGONO proprio come un pasto pesante e MAL DIGERITO!!!

    RispondiElimina
  10. @ NADIA
    fatto!
    ho messo la stessa foto del mio FIDANZATOche ho qui sul blog
    ;)


    @ DAVIDE
    ...mhm... devo comincire a pensare male? di tutti Voi ragazzi che avete risposto a questo post nessuno si è mai trovato ad agire come ho descritto?
    Questo vi fa onore... e mi complimento anche con te David(ovvio)... ma...
    ... ma speravo di trovare qualcuno capace di spiegarmi il perchè di certi comportamenti.

    @ STELLA
    e quando sono giovani che fanno? che vogliono?

    RispondiElimina
  11. Se vuoi che torni cio' che vuoi devi capire se ci sono veri uomini o solo uomini neri..... un baciocco te che ami Bacucca.

    RispondiElimina
  12. Annagi, il perché è un mistero..
    E cercare di spiegarsi i misteri, alle volte è come andare contro i mulini a vento..
    Potrebbe essere che chi ha lasciato, sia pieno di dubbi e magari sta anche peggio della persona che ha lasciato, forse in fondo sa che è persa per sempre ma almeno gli rimane un qualcosa, 2 parole ancora da scambiare..e se parla dell'altra è sicuramente perché pensa più a quello che ha perso..cioè a quella che è di fronte
    Almeno io la vedo così
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. @ TONY P.
    ma io non voglio che torni proprio nessuno!!!
    Sarà che son bacucca????
    serena notte

    @ DAVIDE
    è complicata la mente umana eh???
    però forse potrebbe essere come tu dici.
    io credo anche che si tratti di mancanza di tatto, buongusto e rispetto... sono drastica e categorica a volte, forse troppo...

    @ STELLA
    ecco... appunto... e non aggiungo altro... 'naggia

    RispondiElimina
  14. Annagi, sicuramente è una mancanza di tatto..su questo non ci sono dubbi..
    Bacione

    RispondiElimina
  15. cara Anna, il loro vero problema solo loro stessi, si sentirebbero soli anche con 5 fidanzate perchè è con se stessi che non stanno bene. Un bacione ^_^

    RispondiElimina
  16. a proposito, non ti trovo su facebook perchè la foto non la vedo, prova a cercarmi tu e mandarmi un messaggio visto che mi avevi trovata ^_^

    RispondiElimina
  17. Anna... sei stata nominata... mi dispiace ma c'è un premio per te sul mio blog...
    :-)
    Dolce notte

    RispondiElimina
  18. Troppo facile!!! Tornare e fare gli amici, non sono d'accordo. Per me una storia finita, è finita e basta.
    Ciao Anna, ti lascio un sorriso ed un abbraccio
    Free

    RispondiElimina
  19. @ MAURIZIO
    .. ti dispiace? ma cos'è, qulcosa di brutto?
    ...famme andà a vedè,và...

    @ FREESPIRITMAN
    grazie per il sorriso, ricambio l'abbraccio

    RispondiElimina
  20. Quello che dici capita con una frequenza preoccupante, ma non è sempre così. Io non ho mai amato le minestre riscaldate; se taglio taglio e mi prendo tutto il pesante corollario che ne consegue. Però, a volte, una storia non finisce veramente, non finisce "dentro" ed è il ricordo, l'eco di questa sospensione che rappresenta la spinta a "ripresentarsi". In realtà il problema di fondo è che non ci siamo capiti ( e non lo vogliamo fare ): l'amore NON E' PER SEMPRE, la magia svanisce e lascia il posto ad un compromesso di alto profilo ( stima, affetto, solidarietà, cultura dell'ascolto...) o di basso profilo ( urla, insulti, indifferenza, assenze e scopate con la giovane di turno che capisce sempre di tutto e di più).
    Niente compromessi? Sempre sopra le righe? Volere e non dare? Attenzione zero? Confusione fra sesso e RISPETTO? Allora si torna, diavolo se si torna, stupidamente si torna, perchè non si è capito si torna!

    RispondiElimina
  21. @ salina
    più leggo i tuoi scritti e più mi piaci... però non dirlo in giro ;-)

    RispondiElimina
  22. @ SALINA
    gazie per questa esaudiente spiegazione. Rileggendola mi convince sempre di più ed è un po' quello che è uscito fuori dai vari commenti fatti e ricevuti.
    "Si torna perchè non si è capito..." ...
    Penso che chi si "RIPROPONE (come i peperoni, pesanti, avolte pure troppo) non abbia il minimo buonsenso,il minimo senso di coerenza e soprattutto non conoscano neè il valore del rispetto per il prossimo e tantomeno quello per se stessi.
    Tornare dall'ex partner, al quale si è stati legati, un tempo da un sentimento, così come se niente fosse, senza parlare più del passato, riprendendo però un filo che sembra non essersi mai interrotto, rendendolo partecipe delle proprie cose, magari ed addirittura di quelle più intime (come può essere una nuova relazione) senza preoccuparsi minimamente di quello che si potrebbe provocare nell'altro lo trovo un comportamento privo di senso.
    E poi mi viene in mente il dubbio che forse un simile atteggiamento potrebbe essere un sottile e sottinteso "mezzuccio" per provare a rimettere il piede in una scarpa che avevano dimenticato nella scarpiera...

    RispondiElimina